Exit

La scorsa settimana, col voto di fiducia in Senato, è stato approvato il Disegno di Legge della Riforma del Lavoro, comprendente anche gli emendamenti riguardanti la lotta alle finte partite iva; la stretta, che sarà operativa dodici mesi dopo l’entrata in vigore della legge, prevede che siano considerati rapporti di collaborazione coordinata e continuativa le prestazioni lavorative nelle quali ricorrono almeno due dei seguenti presupposti :

  • durata della collaborazione di oltre 8 mesi in un anno (inizialmente previsti 6 mesi);
  • il corrispettivo derivante dalla collaborazione corrisponda a più dell’80% del totale fatturato dal professionista (inizialmente previsto il 75%);
  • la presenza di una “postazione fissa” all’interno della struttura (inizialmente prevista solo “una postazione”).

Sono esclusi dall’obbligo di assunzione i collaboratori che:

  • svolgono prestazioni connotate da competenze teoriche di grado elevato acquisite attraverso significativi percorsi formativi oppure da capacità tecnico/pratiche acquisite attraverso rilevanti esperienze maturate nell’esercizio concreto dell’attività;
  • hanno un reddito annuo da lavoro autonomo maggiore di circa €18.000,00 annui.

Sono esclusi anche gli iscritti agli ordini professionali, registri, albi, ruoli o elenchi, se l’attività svolta presuppone l’obbligo di iscrizione; per definire quali attività necessitano di iscrizione è stato predisposto un decreto apposito che verrà emanato nei 3 mesi successivi alla entrata in vigore della Riforma del Lavoro, sentite le parti sociali.

Per saperne di più:

 

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Close
Go top
error: Content is protected !! - Il contenuto è protetto!!