Exit

Il TAR del Lazio con l’ordinanza numero 01932/2014 depositata il 30 aprile e resa nota ieri, ha rigettato l’istanza presentata dal Consiglio nazionale degli Architetti contro il Dm 24 gennaio 2014 del ministro dello Sviluppo economico.

Per cui, dal 30-06-2014, i professionisti dovranno permettere al cliente che lo chieda il pagamento della parcella attraverso il bancomat o la carta di credito; rimane il divieto – ex articolo 15, comma 5, quater, Dl 179/2012 – di richiedere un sovraprezzo legato all’utilizzo di un determinato strumento di pagamento.

 

 

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Close
Go top
error: Content is protected !! - Il contenuto è protetto!!